ciao piccola…
 non ho da dire altro.
I fiori, quelli del prato di Vezzo, di sicuro gli volevi bene anche tu.
Quando nel corridoio le infermiere mi avevano dato il tuo anellino,  non sapendo dove metterlo me l’ero infilato all’anulare … avrei voluto chiedere a Lorenzo se me lo lasciava, mi vergognavo  però di essere così sentimentale e ho fatto per ridarglielo, ma  lui mi deve aver letto nel pensiero, tienilo tu Cri. Non so quale significato per te avesse, piccolo e semplice,  l’unico che hai sempre tenuto su in questi giorni, io voglio che mi insegni e mi trasmetta la serenità che hai saputo trovare, e dare,  in questi momenti.

30 pensieri su “

  1. ilmamba

    Spesso, riflettendo sulle persone care che ci lasciano, penso a come sarebbe bello se un giorno, quando anche noi ce ne andremo, ci ritrovassimo di nuovo; ma questa volta nell’altra dimensione……
    Abbi sempre cura di te stessa, cara amica, cerca di volerti bene, in ogni momento e situazione della vita; anche e soprattutto quando il nostro cuore sanguina.

    Rispondi
  2. tiptop

    Grazie, sono serena, non ho pianto, funziono che scoppierò dopo…
    Mi chiedevo ieri sera quando non trovavo le parole, perchè mai devo trasferire tutta la mia vita, o quasi, in post.
    Poi le parole sono venute, ed anche una risposta.
    Una risposta ce l’ho…per la vostra presenza ed il vostro affetto, che sento sempre tanto, e poco virtuale.

    Rispondi
  3. Lesorja

    Poco tempo fa se n’è andata una persona che aveva scritto una canzone di rara bellezza, di quelle che smuovono dal profondo. Peccato che nella mia lingua le parole suonino diverse, ma anche tradotte hanno un grande significato. Ogni volta che ho perso una persona cara mi sono tornate alla mente, e paradossalmente, dopo avermi commosso, mi hanno dato sollievo. Spero sia così anche per te. Un abbraccio e un tenero bacio in fronte.

    http://forum.telefonino.net/showthread.php?t=482678

    http://www.youtube.com/watch?v=_wwG4LGDHps

    Rispondi
  4. pyperita

    Quando si legge sui blog di persone che stanno male, che soffrono, si impara quasi a conoscerle, a sentirle vicine. E il dolore di chi ha voluto loro bene, qundo se ne vanno, diventa un pò anche il nostro.
    Ti abbraccio forte.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...