non mi dà soddifazione scrivere su FB… non resta niente

Non so se posso contare di arrivare ai posteri scrivendo su FB.
Oggi, quando sono uscita di casa per andare al lavoro, stava attraversando la strada un gruppetto di persone, tutte col valigino, chissà da dove venivano, non ci sono alberghi vicini.
In ogni caso, li ho raggiunti all’attraversamento della corsia preferenziale, dove si erano collocati in formazione sbarramento, e sembravano non accorgersi che lì il semaforo non diventa verde quasi mai, e mi hanno fatto perdere il filobus che stava arrivando.  La cosa però non è spiaciuta alla mia flemma tipica milanese: va bene, tra un po’ ne arriverà un altro, intanto leggo, quattro minuti sono tantissimi.  Insomma, quando ho visto questi omini con valigia, ho proprio pensato che noi umani siamo una specie infestante, e che forse, crisi o non crisi, semplicemente non ce ne è per tutti.  Uno di quei pensieri, che se ci pensi intensamente,  ti fanno sembrare un po’ tutto privo di significato, del tipo ci siamo inventati lavori inutili come la burocrazia, e si copiavano carte con penne calamai e bella scrittura, poi sono arrivate le fotocopie con la carta chimica che si sbiadiva da sola e poi i toner, e poi i link e anche se la gente per un po’ è stata riciclata, come la plastica,  che adesso i copiatori con calamai sono magari quelli che immettono dati nei pc,  adesso si stanno  sostituendo meccanicamente i lavori che potevano fare gli uomini, e gli uomini sono inutili, alcuni uomini si sentono inutili, ma chi ha il diritto di decidere che tu non hai più diritti? Chi glielo ha detto che può?
E mi sembra una cosa aberrante,  perchè l’uomo non dovrebbe perdere il diritto ad avere dei diritti, cioè,  è vivo, ha diritto a vivere, respirare… ci avevano detto crescete e moltiplicatevi, se non ricordo male.  Ora non so bene, ma a me sembra che nelle comunità di animali, ci sia posto per tutti…semmai creano un gruppo nuovo, come per mitosi.
Oggi si parla di Little Tony, perchè è morto, se no non mi pare se ne parlasse più tanto… c’è da dire che non mi è mai piaciuto come cantante,  proprio una questione di epidermide.
Si parla anche della rabbia grillina, ma d’altra parte il calo era prevedibile, un primo segnale in Veneto: è ovvio, la gente arrabbiata voleva delle soluzioni. Però dai, una scrollatina alla politica gliel’hanno data.
Si parla anche di femminicidio, ed è un termine che mi sta sulle balle, mi pare che l’assassinio abbia già le sue pene previste, esistono le aggravanti. Femminicidio… che ci sia qualcosa di distorto da reinquadrare, nella nostra società,  invece, non viene in mente  a nessuno, perchè è un po’ più faticoso e impegnativo. Tipo, l’assuefazione alla violenza.
Oggi, è stato l’ultimo giorno di lavoro di una collega che ha dato le dimissioni per stare a casa., e mi sono ricordata la sensazione che avevo provato quando per un attimo mi ero illusa di rientrare nell’ultimo prepensionamento.

Annunci

10 pensieri su “non mi dà soddifazione scrivere su FB… non resta niente

  1. giovanni choukhadarian

    Nel 1995 Zbigniew Brzeszinki, già segretario di Stato per il presidente Jimmy Carter, conia il termine di tittytainment. Questo era, a suo avviso, il destino della società 20:80; quella, cioè, in cui 20 risorse producono il necessario et ultra, e le altre 80 si dedicano all’intrattenimento, mangiando tuttavia il necessario.
    Ciò risponde in parte ai moltissimi interrogativi sollevati dal post (forse, veh)

    Rispondi
    1. tiptop Autore articolo

      Costretta dalla mia infinita curiosità a googlare, il tittytainment non lo conoscevo proprio, debbo dire che risponde eccome, ma non è per nulla tranquillizzante, mi sembra che ci siamo dentro in pieno… o per lo meno,siamo sulla china scivolosa. Zbigniew, ecco perchè al tiggì lo nominavano sempre per cognome.

      Rispondi
      1. giovanni choukhadarian

        I venti della società 20:80 producono il necessario. Rispetto agli 80 che rimangono, sono quèi che s’annoiano di meno (e Brzeszinski era un fenomeno, naturalmente)

      2. tiptop Autore articolo

        Ho letto un’iterpretazione nella quale i 20 che producono sono sfruttati, ma non mi torna che gli sfruttatori siano l’80.

    1. tiptop Autore articolo

      Nel 2018…. se il posto di lavoro resiste. Appunto, a che serve coniare un termine così stupido, sforzato, lo odio, mi fa sentire presa in giro.

      Rispondi
  2. marcoforever

    Si parla un po’ di tutto su face, ma è un tutto che vale poco, distorto, ripetitivo, bufalaro, opportunista… Ci sto meno di prima, da qualche mese mi dedico alla visione su pc di telefilm di fantascienza, appena posso inforco un astronave e vado 😀 Se la realtà è quella facebukkara, preferisco la fantasia 🙂 Buonanotte

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...