Appropriazione indebita di compleanni altrui.

Una vera calamità si abbatte  sulla nostra famiglia, subito dopo le feste natalizie, comprese Befane e Capodanni: la serie dei compleanni.
Mio figlio nacque un 9 gennaio, mia madre un 20 gennaio, un mio nipote figlio di una sorella il 22.
Ora, quella che tiene a festeggiare, è comprensibilmente mia madre, che sta giungendo al  98° compleanno, e nonostante siano così tanti, ancora non si è stufata delle torte con le candeline, senza pensare che a mettercele tutte, una torta di calibro normale si sfracella, e  come fossero un falò, alzano di un grado almeno la temperatura della stanza.
Insomma, non stavo ancora mettendo il piede fuori dal Capodanno che arriva la domanda della mamma: “Cristina poi dobbiamo pensare cosa fare per il compleanno mio e di Lorenzo, che tanto vale che lo facciamo insieme”
Come postulato, abbiamo dunque che Lorenzo desidera festeggiare il compleanno con quello della nonna.
“Pensavo che potevamo affittare una saletta al Tagiura come un tempo” personalmente odio le celebrazioni in ristoranti e affini, con tre bambini piccoli in famiglia, per loro è una tortura e poi lo diventa per i genitori. E anche per me fare la forzata della tavola.
La mia risposta è stata diplomatica “Non so mamma, devi sentire non me ma l’altro interessato, cosa gli piacerebbe fare, poi si vede”
E me la sono data a gambe, tre giorni a Pallanza, finalmente un po’ di pace e di tempo per me, che tra lavoro, famiglia e pranzi, il periodo di Natale era stato, come spesso è, uno stress e basta.
Nel frattempo arriva una mail del nipote, che mi dice che, costretto a festeggiare suo malgrado, gli andava bene, anche per le bambine, il sabato 21 mezzogiorno, e propone un paio di posti: scoperto casualmente che mio figlio era arrivato a Milano mentre ero al lago, Marco mi dice che non sa se ci sarà, che però nel caso gli andrebbe benissimo il sabato o la domenica  mezzogiorno,  suggerisce un altro posto.
Mentre sono occupatissima a lanciare il pane alle papere del lungolago, mi telefona mia madre, piangente perchè il suo compleanno lo vuole alla sera e al mezzogiorno allora non invita nessuno; quando torno a casa trovo una mail di mio nipote che mi chiede come mai non ho scritto anche a mio fratello, e gli spiego che ho risposto alla sua, di mail, e che lui non aveva scritto a  mio fratello, suo zio, e gli rispondo allargando allo zio.
Lo zio, simulando lo zio d’America, risponde:  ditemi solo quanti siamo, e ci penso io a organizzare; i nipoti accettano il sacrifizio del sabato sera. Ha detto organizzare, non ha detto pagare, e tremo un po’, ma solo un pochino.
Tralasciamo il ballo dei numeri dei partecipanti, e veniamo agi ultimi fatti.
Apprendo domenica sera da mia figlia, poco prima di ripartire per Milano, che mia madre sua nonna è furente con me che sono una madre degenere: domenica lei ha deciso di festeggiare il compleanno di Marco, che non voleva festeggiarlo, ha comprato una torta, ed io non c’ero!!!!! Mancavo al compleanno di mio figlio! quel mio figlio ch avevo sentito il giorno prima e non voleva festeggiarlo, e che per quanto ne sapevo quando sono partita  per il lago, avrebbe dovuto restare a Ginevra, mica venire a Milano.
Lunedì, mentre ero al lavoro, sento mia madre al telefono: acida e rancorosa, mi dice “Avrai assaggiato la torta avanzata che ho comprato io ieri, che tu non c’eri, a casa,  per il compleanno di  tuo figlio”; in tarda serata  sento invece mio fratello,  e tra le altre cose gli ho chiesto se gli era venuta qualche idea su dove fare ‘sti compleanni della nonna e del Lorenzo, e lui tutto incazzoso ” Della mamma,  di Lorenzo e di Marco, a me è stato detto di tutti e tre dalla mamma, e si festeggiano tutti e tre”.

Ma a me, questa storia, mi sembra una tortura…anche una s-tortura, a dire il vero.

Annunci

7 pensieri su “Appropriazione indebita di compleanni altrui.

  1. ele

    …sempre la solita storia. han solo bisogno di un capro(a) espiatorio..

    noi, con la nostra solita invadenza e presunzione di saper risolvere tutto, li abbiamo abituati, da tempo, ad appoggiarsi a noi come se fossimo davvero le colonne portanti. e come manchi un giorno, vedi le critiche !

    Rispondi
    1. tiptop Autore articolo

      Complimenti! sei stata il commento n. 17000! (cifra tonda).
      Anche senza la presunzione che dici tu, comunque è presumibile che ci sia una compartecipazione da parte nostra, basta anche solo la sensazione di dare fiducia al prossimo!

      Rispondi
      1. ele

        presunzione era in tono ironico, molto ironico…però tantissime donne vogliono proprio rendersi indispensabili, forse faticano a trovare una loro diversa dimensione…
        sì poi c’è la praticità, il saper risolvere i problemi, l’essere affidabili, coscienziose…un mucchio di cose insomma.

        mi compiaccio del numero, a me il 17 piace molto, come numero !

        P.S. non c’entra nulla però oggi sul blog wp di ziacassie non sono riuscita a commentare, bisogna passare attraverso un proprio profilo wp o twitter o facebook. volevo vedere se anche qui da te… forse lei ha messo un filtro…boh?

  2. tiptop Autore articolo

    Nu! 17.003 e 4… ma puoi prenotarti per il 17771, 17777 o il 18000!
    Conclusione: i compleanni pare si festeggino il 21 mezzogiorno…. mio fratello oggi, se non ci fossimo sentiti oggi, avrebbe prenotato per il 14, che non è il compleanno di nessuno!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...