bus

Ho i piedi gelati, ed anche un po' le dita,adesso che ho allontanato la micia, che mi faceva da manicotto,  ma volevo avere i polsi liberi, per scrivere.  La finestra è aperta, e si sente il rumore di pioggia, goccione pesanti che cadono. Pensavo, annoiandomi un po' su FB, che una volta non c'era evento o pensiero che mi toccasse, che non finisse su queste pagine.
E così pensavo di scrivere oggi sul bus che mi portava verso casa, con uno sbuffo d'aria gelida sulla testa, anche all'andata, a dire la verità: l'aria condizionata, ora funziona, si vede, anzi, si sente.Quando sono sugli autobus più nuovi, li studio, devono essere innovativi, penso, li studio perchè, in genere,li odio. Probabilmente, se mi piacessero, non ci penserei tanto su.
Odio per esempio i melobruchi, il filobus a lombrico verde.
Su alcuni bus c'è un sedile matrimoniale, unico, e molto largo.
Ci sono un tot di posti riservati ai diversi abili, spesso sono gli ultimi a essere occupati. Non so se per senso civico, o per non essere magari subito costretti ad alzarsi.
Ci sono gli spazi riservati alle carrozzine, ma una persona in carrozzella sull'autobus l'ho vista solo a Torino. Milano è una città molto attenta,  ora una gran quantità di marciapiedi hanno lo scivolo, solo che spesso hanno  comunque un piccolo dislivello, superabile, credo.  Però in giornate piovose tipo questa, diventano una specie di Aquafan, alla fine di ogni scivolo c'è il laghetto.
In ogni caso, le mamme con passeggini li usano,e sono comodi, io me lo sognavo, quando avevo i bimbi piccoli.
Ma tornando agli autobus di modello recente, un altro difetto secondo me è che hanno incollato i sedili alla parete, senza la minima tolleranza per chiappette sporgenti. Quando mi capita di dovermi sedere lì, cerco di darmi un tono.
Un altro problema sono i posti a salotto.
Ah no, prima devo dire dei due posti in fondo, strettissimi, se sorridi lo schienale di fronte ti carezza i denti, e dalla parte dei piedi sboffa fuori un'aria caldissima. Davanti a questi, si stendono i posti a salotto, due di fronte a due, senza tavolino in mezzo.. Una prova di equilibrismo arrivare ai posti contro i finestrini quando  quelli verso corridoio sono occupati, magari da persone con l'ombrello, e non è che ci sono tanti punti per attaccarsi. Alcuni passeggeri si conoscono tra di loro, e chiacchierano disinvoltamente, gli altri, estranei, assistono, con le mani sulle ginocchia, maledicendo di avere le scarpe n. 40, che non si riesce a non toccare i piedi di quello davanti.
Poi, per finire il monoblocco da otto posti, ci sono anche i due posti con lo schienale contro i posti a salotto: di questi, il posto accanto al finestrino è abbastanza stabile, l'altro assolutamente no, occorre puntellare i piedi in curva
Non è che ho mai voglia di tanta promiscuità, ovvio che mi adeguo, se no userei il taxi o la macchina, ma gli autobus vecchi, ed anche molti tram, rispettavano di più questa esigenza, non è che tutti hanno voglia di ricevere gli aliti, o il braccio sudaticcio contro.
Con i posti in fila di profilo, lungo i finestrini, rimaneva più spazio per le persone in piedi, ed anche per andare alla porta: ora ci sono, dentro ad un bus, piazze d'armi e strozzature. Nelle piazze d'armi, per stare attaccato bene, devi essere altissimo: stamattina ho provato un po' a stare attaccata alla maniglia penzolante, non mi sentivo niente stabile, penzolavo anch'io, dietro al movimento della maniglia. Avrei voluto afferrarne anche un'altra, ma mi vergognavo. Per fortuna una ragazza, appoggiata al vetro, riordinava scontrini, ogni tanto uno le cadeva e lei lo raccoglieva, è scesa, e mi sono affrettata a sgusciare lì, al suo posto in piedi.

5 pensieri su “bus

  1. Juliettefree

    ….perchè non sai come sono i tram qui da me!!! mia madre non siede nei divanetti perchè ha sempre l'impressione di dover andare a finire in braccio al dirimpettaio di turno! ahahahAvrebbero potuto farli più spaziosi, invece c'è spreco di plastica, tutto qui.Per quello che mi riguarda evito di sedermi, anche perchè i sedili ricoperti di stoffa non mi suggeriscono grande igiene.  Bisogna essere realisti!Meglio usare quella plastica ingombrante per i sedili, ma in modo giusto!

    Rispondi
  2. IsaacSky

    wow, complimenti per la descrizione della situazione bus a milano . . . direi completa e obbiettiva! a me piacciono i tram se non fosse che sono così ……lenti! un salutoisaac

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...