via privata Bastia

Mai sentita. E’ vicino a via Ripamonti, poco dopo il ponte, scendendo, a sinistra e poi a destra. E’ una via dietro un cancello, e un po’ si capisce perchè, nel buio sembra un’oasi rispetto al circondario, fatta di casette carine, che tu dici Ma è Milano qui? e poi ti chiedi se questa grossa città si conoscerà mai abbastanza. Ammetto che comincio ad apprezzarla, meglio tardi che mai.
In fondo a sinistra, mi pare senza insegne ma non so, era buio, ci sta l’associazione Van Ghè, Ambulatorio d’Arte.  Non so perchè proprio ambulatorio, in genere l’arte è creatività, nascita, laboratorio, fabbrica…forse i tempi sono cambiati e ha ferite bisognose di medicazione, o le manca l’ossigeno, o zoppica.
In ogni caso sono entrata in un posto che un po’ era quello che vorrei fare io quando andrò in pensione, perchè non so se è una cosa in cui ci si guadagni da vivere, ma certo da vivere è un guadagno. Un ingresso, ovviamente l’attaccapanni, un ufficetto. E un salone grande e alto, le pareti in diverse tonalità come fossero colori trasparenti sul muro, il pavimento in assi grezze, grandi finestroni da fabbrica, tendoni sul fondo, a riparare la parte che era di abitazione, una cucina, un bagno, un soppalco. Panche e sedie, due materassi per terra coperti da drappi e cuscini. Sulla parete di fronte ai tendoni, una specie di mini palco, ricoperto da stoffa rossa che mi ricordava un po’ le gradinate delle partite dell’oratorio, e i faretti, ed i leggii.
Un tavolo con un aperitivo con cose semplici. Ecco, questo vorrei fare… uno spazio ampio in cui vivere, e prestarlo per le presentazioni di libri, o le feste di compleanno, o le mostre degli amici.

Comunque venerdì sera c’era Guido Catalano, il Poeta, accompagnato da due chitarristi che per me erano sconosciuti, ed ora ovviamente non lo sono più, e sono anche bravissimi, Matteo Negrin e Federico Sirianni,  e il Sirianni diceva sempre di Negrin chitarra di bravura, e pensavo che allora forse l’altro dovesse essere chitarra di buonumore.
E’ bello assistere a spettacoli dove traspare affiatamento autentico, e mi chiedevo anche perchè non fossero in televisione, che son meglio di tanti che ci transitano. Poi mi son detta "No zitta che poi se vanno in televisione mica li vedi più così a portata di mano". L’ospite, chiamano qualcuno della città in cui vanno, hanno detto, l’ospite a Km 0, Suso, è indiscutibilmente brava, ma non so, secondo me non era in armonia con cose tipo la stralunatezza, la spontaneità … insomma, non si lasciava andare.
E’ che ho fatto anche un video, ma non riesco a caricarlo.

RENDIMI L’ANIMA GIONNI di Guido Catalano

ho sognato che veniva dio a casa
e mi diceva, è venuto il momento
di cosa? gli chiedevo
di rendermi l’anima

puoi ripetere per favore, dio?
devi rendermi l’anima, Gionni
nel sogno mi sembrava del tutto naturale
che dio mi chiamasse Gionni

ma scusa dio
in questi casi non vien giù la Morte
con la falce il mantello?
io mi son sempre immaginato che sarebbe venuta giù la Morte
con la falce e il mantello
che magari mi invitava pure a fare una partita a scacchi
e se vincevo non mi spiccava la testa
io così mi immaginavo, dio

no, Gionni
tu t’immaginavi male

e come facciamo, dio? gli dicevo
rendimi l’anima, mi diceva
no
come no?
no
come no?
no dio no, non te la renderò
oh Gionni sì, me la renderaì
ma non è tua la mia anima dio!
e chi lo dice? lo dici tu mica lo dico io!

a quel punto
io mi rendevo conto che stavo sognando
dio, gli dicevo a dio, questo è solo un sogno, non mi puoi far nulla
Gionni, lo so che questo è un sogno, io vengo a riscuotere le anime in sogno
ma così muoio dormendo!

ma Gesù! è come Naitmer!
più o meno

a quel punto
io che avevo visto tutti films
in cui qualche bastardo mostro infame
tentava di ammazzarti in sogno
facevo uno sforzo di concentrazione della Madonna
e mi trasformavo
in un topolino
ma dio che era uno furbo, si trasformava in gatto
e io mi trasformavo in ape
e lui in apicoltore
e io in puffo
e lui in Gargamella
e io in automobile
e lui in vigile urbano
e io in acqua
e lui in spugna
e io in Superman
e lui in Kriptonite
e io in Imperatore del Giappone
e lui in bomba atomica

allora io mi trasformavo in Dio
e lui
diceva: minchia e adesso?
eh, adesso dio siamo due dio e non mi puoi far nulla
mi hai fregato
a sto giro sì
vabè vado
ciao ci vediamo dio
ciao Gionni
ciao

Annunci

5 pensieri su “via privata Bastia

  1. tabatha4ever

    Bello il posto, d’effetto il poeta con la musica. Un varietà diceva lui. E il varietà se è così, ben venga!

    La pesia che hai riportato è quella che è piaciuta di più ai miei bambini:

    diceva: minchia e adesso?
    eh, adesso dio siamo due dio e non mi puoi far nulla
    mi hai fregato
    a sto giro sì
    vabè vado
    ciao ci vediamo dio
    ciao Gionni
    ciao

    🙂

    Rispondi
  2. utente anonimo

    ehi, io sono quello seduto con la mano sulla faccia e la gamba obliqua, però non sono un chitarrista, magari… sono solo un cantautore.  vi aspettiamo al vanghè il 27novembre
    baci
    federico

    Rispondi
  3. sensations

    Carina la storia!..mi ha ricordato quando nel film La spada nella roccia Maga Magò fa il duello con Merlino…e uno dei due alla fine si trasforma in …batterio! per far ammalare l’avversario/o e vincere!!

    Si può fare questa cosa, anche prima della pensione. Basta trovare un gruppetto affiatato di amiche con le stesse idee..

    Io ci ho già provato, per l’arte. Ora però non posso più seguitare perchè devo lavorare.

    ele

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...