Da qualche giorno non scrivo.

Un momento ingarbugliato, strano, di solito lo scrivere mi aiuta a dipanare, a vedere più chiaro, a vedere le cose dall’esterno, rileggo come avesse scritto un’altra persona.

E’ che quando penso le cose, tante volte  mi sembrano cose già dette, già viste, stanche.

Un po’ come ieri sera, che ascoltavo leggere testi, a volte perdendomi, mai rapita.

Anche quando leggo un libro, troppo spesso ne rimango insoddisfatta.

Eppure ho sempre più voglia di leggere.

E anche di scrivere.

La storia che ho in mente da tanto, e cominciata per poche pagine, ora l’ho pensata in chiave sorriso  e non più farcita di tormenti interiori.

Mi piacerebbe fare un quadro di tutti i personaggi, come fossero racconti completi.

E poi  farli incontrare sui fogli ancora bianchi.

Ho osservato un tizio sul filobus,  l’ho ascoltato parlare,   volevo scrivere la mia sua buia storia.

Ho idee e non ho tempo, a volte neanche la forza.

Dormo tanto, rispetto le mie solite abitudini.

Vorrei ascoltare musica, ma c’è sempre rumore, e di notte troppo silenzio.

Però sorrido sempre, davvero.

4 pensieri su “

  1. auxesia1

    la musica l’ascolto con gli auricolari quindi, se ho tempo, non importa ci sia rumore o silenzio. Così evito anche i giudizi sul tipo e sul volume di quello che mi piace ascoltare.

    Rispondi
  2. tabatha4ever

    Invece io, che ascolto musica 24 ore su 24, dopo aver tediato tutti, mi sono vista arrivare come regalo della befana un paio di cuffie cicciotte ed ingombranti con il sotto titolo: Ci hai rotto il c… con la tua musica!!!

    E per lo scrivere ach … ultimamente ho la sindrome del foglio bianco e l’ossessione della Gelmini che mi tengono lontana!!!!

    Vai Tip, dacci il buon esempio, almeno tu … scrivi!!!!!!

    Rispondi
  3. nonnacarina

    Anche a me piace il silenzio, sarà anche perchè vivendo in una casa tutta di vecchi (la più giovane sono io che mi avvicino ai 60) , c’ è la necessità di parlare molto forte, a volte addirittura di urlare per farsi capire. Mi capita di portare la cuffia, spenta, per proteggere le mie di orecchie, dal volume della televisione altrui…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...