una questione spinosa

Pubblico le foto dell’albero di cui si disquisiva nei commenti al post precedente, così è tutto più chiaro… io pensavo fosse un carrubo, poi un giorno qualcuno mi ha detto che si chiamava spina di Cristo. L’albero sta  invece ostinatamente zitto, non mi dice il suo nome, però mi mostra le spine…. è molto minaccioso, non ha niente di Cristo, secondo me. Non mi pare di vederci neanche gli uccellini… ma quello era san Francesco, ci parlava,  Gesù moltiplicava i pani ed i pesci.
Eccolo nel suo splendore.


questo il frutto…  non posso riprendere quelli nuovi di quest’anno perchè ho lo zoom rotto, sono in alto e lontani, di un tenero verdolino.
le spine sono leggermente spaventose… con cautela le taglio, sul tronco, mica che qualcuno ci finisca contro…
insomma molto meglio questi, che ci maturano tutt’intorno, e sono i più buoni del mondo, il problema è starci dietro a mangiarli… non piacciono a tutti, i fichi, è inconcepibile, dico davvero!

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO:

Nonnacarina mi ha segnalato che il post è doppio.. scherzi di splinder si vede, che ieri non è che andasse una meraviglia. Riporto qui i commenti ad uno dei due, e lo cancello.

#1   19 Agosto 2008 – 19:53
 
Infatti a me non piacciono… e nemmeno i fichi d’India e i cachi… i miei mi guardano con sospetto per questo! eheh ;-)))
Ciao da Juliette75|
utente anonimo

#2   19 Agosto 2008 – 20:06
 
Ah, comunque, da ciò che vedo, non è un Carrubo! urge proprio un libro per riconoscere gli alberi…!!!
Grazie Tip!
Juliette75 😐
utente anonimo

#3   20 Agosto 2008 – 09:44
 
In tema di distrazione perchè un doppio post?
Blogger: Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. Blocca questo utente nonnacarina

43 pensieri su “una questione spinosa

  1. gh7

    Sarei meno icastico. A me i fichi (in quanto frutti) non piacciono tanto, anzi per niente – e ci sono spine, morali e fisiche, ben peggiori di quelle che Tiptop fotografa con tanta perizia, dài.

    Rispondi
  2. kalekaiagathe

    a me i fichi non piacciono. al massimo mangio fichi neri col prosciutto di san daniele o di parma (salviamo il campanile!). i fichi umani li guardo, ma me ne sono sempre tenuta alla larga. o forse loro si tenevano alla larga da me. anche questa è una questione spinosa.

    Rispondi
  3. nonnacarina

    E trasformare i fichi in una meravigliosa marmellata? Senza contare che la crostata con la suddetta marmellata viene divina.
    Quanto all’albero non l’ho mai visto, per fortuna, distratta come sono me ne ricoderei perchè mi ci sarei di certo inchiodata.

    Rispondi
  4. kalekaiagathe

    quello è il famoso frutto della discordia. un bacello di leguminosa, NON carruba. io avevo pensato alla pelle abbandonata di una biscia, ma mi pareva un po’ sgivjoso dirlo così di primo mattino…

    Rispondi
  5. tiptop

    Beh domani con meno sonno andrò a vedere i links.
    Dunque… la marmellata di fichi ho provato a farla qualche volta ma mi restava molto liquida, al contrario dell’ottima marmellata di albicocche, e poi li preferisco freschi…
    Antonydevo dire che allora preferisci la marmellata di fichi a quella ai frutti di bosco… io no.
    Gh7…icastico? ho cercato sul dizionario, anche se intuivo dalla radice…sigh.
    Lu, una biscia un giorno ci lasciò una muta davanti a casa, era in tre pezzi e trasparente, si individuavano le scaglie, a suo modo era affascinante. Per i fichi umani…forse è meglio così,son spesso bluff… o no?

    Rispondi
  6. kalekaiagathe

    il succo di mezzo limone aiuta a gelificare la marmellata. infatti in quelle industriali si legge acido ascorbico, usato non solo come antibatterico e chessoio. io ce lo metto financo nella marmellata di cipolle di tropea (che non va mangiata sulle fette biscottate e il caffelatte!) e funziona. anche mettere meno zucchero di quello che viene prescritto aiuta a limitare lo sputazzamento di acqua della frutta. oh! sia chiaro: ha parlato un’empirica, non un’esperta. per cui chissà se le mie prove sono riproducibili sempre. la prossima volta magari mi viene succo di cipolle, di prugne, di albicocche.

    Rispondi
  7. kalekaiagathe

    la marmellata di cipolle rosse di tropea (sarebbero da acquistare in questo momento) è una sciccheria con i formaggi. io l’ho proposta anche come salsa per certi arrosti un po’ asciutti. a me sembra più semplice come fatica di altre confetture. i miei amici la gradiscono molto. qualche volta metto un cappelletto di tessuto tirolese tipo sul coperchio e la regalo. in commercio si trova raramente ed è abbastanza costosa, ha un colore tendente al marrone mentre a me viene nature, color lampone. che è sta roba, uno pensa-dice. poi se la magna e resta fulminato. cioè: la rivuole.

    Rispondi
  8. kalekaiagathe

    non chiedere ad una veneta cosa si beve suggerendo cabernet sauvignon perché ti risponde…SIIIIII! ma anche refosco dal peduncolo rosso. ci vorrebbe anche il coraggio di fare marmellata di cipolle/formaggio saporito/raboso (rosso) o reciòto (bianco – passito).
    bòn, òstrega!

    Rispondi
  9. kalekaiagathe

    eh no ciò, so’ de venessia! ho alluso al “campanile” nominando il prosciutto di parma e forse ti è rimasto il messaggio in un angolino della memoria. io queste zone in cui soggiorna tip le immagino soltanto perché della lombardia conosco poco, anche se, tornando spesso da torino facevo la “bassa” invece della torino-milano-venezia e da alessandria in poi non facevo che dire uh! guaaaaaardaaaaaa! dobbiamo venirci! una volta ho fatto un’escursione a piedi da piacenza a quasi chiavari su e giù per quei monti, ma ero troppo giovane e innamorata per accorgermi della loro bellezza e peculiarità se non in funzione del sentimento di allora. ahhhhhhhhhhh!

    Rispondi
  10. tiptop

    Infatti Lu mi han detto che il Trebbia si congiunge con l’Aveto che arriva giù in Liguria da quelle parti lì. Santo Stefano D’Aveto è la montagna dei chiavaresi.

    Rispondi
  11. kalekaiagathe

    ma venezia fa esattamente questo! non so ancora per quanto, con i bàcari trasformati in pub, e le fabbriche di murano che chiudono per consegnare l’isola a qualche americano o inglese facoltoso che ne farà il suo buen retiro. mah!

    Rispondi
  12. Zaagsel

    io ho fatto la marmellata di pomodori verdi … anche quella buona da abbinare a formaggi molto saporiti …
    solo che a casa mia non va mangiata … ne ho ancora un vasetto lo vuoi?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...