troppo

farfallaEccomi di nuovo qui, in questa casa. Sto scrivendo, ed i grilli grilleggiano incessanti dalla vigna… poco prima la civetta aveva articolato il suo grido, un po’ scimmiesco. Quando sono salita, il bimbo faceva i suo versetti scricchiolanti nella carrozzina, in attesa della poppata.
Sono esausta. Domani finirò di sistemare le cose, dobbiamo riattrezzarci per la prima infanzia in questa esistenza quasi da robinson, comodità poche che vanno guadagnate. Prima di cena sono stata un attimo ferma sulla sdraio, sento ancora il bruciore delle botte della caduta in bici di un paio di settimane fa. Un cielo senza sole che tramonta, la luce spenta di un temporale che non verrà. Le piante hanno vegetato tantissimo, iI rami della spina di Cristo non mi lasciano quasi aprire le persiane. Sono mancata, sono venuta poco, e si vede,questi sono i miei lavoretti, di solito. Non è che non ami  più questa casa in collina, è il suo valore simbolico che mi ha tenuto distante.  Ma in questi giorni sono qua, e me ne prenderò cura,anche se le energie  non sono più quelle di un tempo.

Aggiungo questo vecchio testo del 2005 (vedi commento 2) spesso rivisitato.

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

FERRAGOSTO

 

Lunedì… ho doppiato la metà di queste ferie indesiderate. Rivoglio Milano, rivoglio i miei amici. Non ho combinato niente, non ho scritto non ho disegnato non ho messo a posto le scartoffie eterne che mi ero portata da casa.

Ho pensato tanto,  e mi fa male pensare; non voglio pensare e sognare, voglio vivere  quello che sogno.

Guardo gli alberi qua davanti alla casa, l’ippocastano che ha l’età di mio figlio,  l’acero preso microscopico al parco di Milano, i noci ed il nespolo che avevo piantato in seme a Milano, e trapiantati qua. Mi chiedo dove è finito quello spirito, l’entusiasmo per questa casa. Questa casa è un po’ come il mio matrimonio, una famiglia a posto con due bei figli. Tutti la vedono e dicono che è bella, è vero. E’ l’idea romantica del rustico fuori città, in collina, tutto verde , in una bella posizione, tanto spazio intorno, quella giusta misura tra il curato e l’incolto. Dentro ci sono le crepe, il sudore, ed è un  vincolo inderogabile.

Pensavo che non ho più voglia di piantarci niente.

 

 

Annunci

13 pensieri su “troppo

  1. Gattatequila

    Non so cosa significhi per te questa casa o quale sia il suo valore simbolico. E’ molto bella ed é in una splendida zona, dove mi piacerebbe vivere. Anche Luca starebbe meglio lì che non in città ma…. la vita (o meglio il lavoro) spesso ci porta in luoghi diversi. Disintossicati dallo stress cittadino, dalle pedalate difficili in mezzo al traffico, dai rumore caotici e dal caldo/freddo dell’ufficio. Quanto al nonno ….. prova a rivalutarlo in questo romantico luogo, cercando anche romantiche occasioni.

    Rispondi
  2. tiptop

    Questa casa riassume tutte le incomprensioni e tutte le divergenze di carattere tra me e il capofamiglia, e non riuscirei a vederci più nulla di romantico.
    Il fatto è che da tempo non ho nessun desiderio di rivalutarlo nè di riavvicinarmi.
    Cercavo di recuperare un post del 2006, ma non riesco,non so se sia splinder o la connessione lenta che ho qui, volevo farti leggere quello che era nato come mail ad un amico, e che esprime tanto bene quello che provo, infatti avevo postato questo testo e lo ripesco quando devo spiegarmi.

    Ho pensato che lo metto in fondo al post, per chi come te mi conosce da relativamente poco tempo.
    E’ dell’estate 2005, il capofamiglia a tavola si era alzato e mi aveva dato un violento ceffone sull’orecchio due giorni prima, secondo lui parlavo a voce alta, e se ne era appena andato a Milano, senza dare spiegazioni nè a me nè alla figlia, sapendo che abbiamo paura a stare qui da sole. Siamo rimaste qui, e quando è andato, invece di pregarlo di restare come facevo sempre, gli ho detto di aspettare e gli ho preparato la borsa dicendogli che d’ora in poi le cose sarebbero state diverse, ma non per colpa mia. Noi siamo rimaste, e ho iniziato così la mia vita da single in una coppia. E non ho nessuna intenzione di tornare indietro.

    Rispondi
  3. tiptop

    Tengo a precisare che il capofamiglia non è cattivo nè violento, anzi, è spesso disponbile a dare una mano a chiunque glielo chiedo, è perfino andato tutte le sere a medicare una ferita di mai madre che a me faceva impressione. E’ il nostro rapporto che non va.
    Ha spesso dei comportamenti che non si spiegano, e non parla., ma questo non solo con me. Davvero dopo 28 anni di convivenza non so mai bene cosa pensi. Neanche di fronte ai fatti della Princess si è mai espresso.

    Rispondi
  4. ANTONYPOE

    può darsi che questo capofamiglia sia un pò come me che a volte non mi esprimo perché penso che sia tutto chiaro e quindi inutile. ma sbaglio. perché gli altri non sono come me, che non ho mai bisogno di nulla, tantomeno di conferme e sottolineature.
    e dov’è finito lo spirito? è sempre lì con te. non può far altro che aspettare e seguire te. ogni stagione ha i suoi colori e i suoi ritmi e siamo noi a darglieli

    Rispondi
  5. lorypersempre

    Adoro il verde e le case in campagna, odio le abitazioni di villeggiatura. Che, anche se bellissime ed amate, diventano un vincolo ed un obbligo continuo anche per le vacanze.
    Per questo non ho seconde case, per aver guai ne basta ed avanza una 😉
    Leela

    Rispondi
  6. tiptop

    Hai ragione Anthony, il mio spirito è sempre con me, ed è un’altra stagione.
    Hai ragione due volte, sottolineature e conferme tra due persone sono superflue, quando c’è sintonia, empatia. Quando non c’è… è un’altra cosa.

    Rispondi
  7. Gattatequila

    Mi dispiace molto perché sei una bella persona con tanto affetto da dare e da ricevere. A volte le persone con cui si vive non danno ciò di cui si ha bisogno, le scelte non sempre sono giuste ma si vive come in una trappola da cui non si riesce ad uscire. Si sta insieme così per mancanza di coraggio, per paura, per i figli, per l’economia familiare, per tanti motivi. Probabilmente neanche lui sta bene in questo rapporto. Forse non eravate le persone giuste. E’ troppo tardi? Hai comunque compensato con una vita piena di interessi, di lavoro, di figli ed ora di nipote? Io ti auguro con tutto il cuore di stare bene comunque.
    Io sono stata molto fortunata perché ho preso in corsa l’ultimo treno che si é rivelato il miglior treno possibile. La vita di coppia non é facile ma se accanto hai la persona “giusta” le cose si affrontano meglio. Oso troppo se penso che forse quel treno potrebbe ancora passarti davanti? Un abbraccio

    Rispondi
  8. treeonthehill

    Ecco, l’ultima frase,non ho più voglia di piantarci niente, è tristissima, definitiva, dà proprio l’idea dell’abbandono di un progetto, un abbandono faticoso e doloroso, lento e progressivo. Peccato.

    Rispondi
  9. dago2007

    …hai energie da vendere!!!! Credimi…bellissimo vivere un pò la campagna…il contatto diretto con la terra mi ha sempre disteso i nervi! Buona vacanza. Un sorriso Bru

    Rispondi
  10. zamora7

    Per essere una casa di campagna, questa è piuttosto una mansion, un casale genere Chicco Testa (che però non ce l’ha, per quanto ne so). Complimenti e buona vendemmia, tipo!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...