come una corda di violino…

Oggi ero tesa, forse risuonavo anch’io di note malinconiche.
Stanotte, o stamattina che sia, ho aspettato sveglia che mio figlio partisse, aveva il taxi alle 3 e mezza. E’ uscito dicendo "non so neanche perchè parto" e mi si è stretto un po’ il cuore di mamma. Un po’ di colloqui di lavoro non sono andati benissimo, vorrebbe restare a Berlino ma ovviamente ha difficoltà a  competere con i madrelingua tedeschi…
E poi non riuscivo a dimenticare la sordida telefonata belante di ieri. Ci sono ricascata, ero sola in casa…
-Ohhhh ma come sono contenta che divento bisnonna… e tu, tu hai le spalle grosse, eh?
-Ma no, ora son contenta…
-Ma quel ragazzo ha fatto i conti bene, che lei fosse maggiorenne, per lavarsene le mani
-Ma l’ha conosciuta 2 giorni minorenne, e poi non se ne lava mica le mani, è sempre qui, ieri erano lì sul divano come due scemi a continuare a guardare l’ecografia…
-Eh, si , comodo,sempre lì.
– E come deve fare? Guardi che dal lavoro è più scomodo venire qui che andare a casa sua.
-Ecco, io ho la casa più grande, possono venire a vivere qui, posso prendere una badante giovane che tenga il bambino, la pago io.
– Oh ma me li vuole portare via i  miei ragazzi?
-Ecco non si può dire niente che te la prendi subito a male…
– Ma no, è che ci stiamo sistemando qui,  poi è  ancora la mia bambina…
– Va bene non hai mai voluto che ti aiutassi!
– Ma no per la Princess mi ha sempre aiutato, che dice!
– Si ma tuo figlio, quando andava all’asilo, lo guardavo dalle sbarre del cancello giocare  e poi andava dentro con gli altri… non mi hai mai lasciato andarlo a prendere…
. Ma lei non lo ha mai detto
– Dovevi dirlo tu
– Ma lei lavorava… e comunque vedremo, è tutto da vedere come andranno le cose.

26 pensieri su “come una corda di violino…

  1. tiptop

    A me quello che fa rabbia in quella donna… che non arriva a pensare quello che abbiamo passato in quest’ultimo mese, o immaginare la gioia… a pensare che non vorremmo essere separati, o meglio, l’alternativa è, o fanno la loro famigliola, o ci si arrangia tutti qui per far andare all’università la Princess alleggerendola degli oneri casalinghi, così cura il suo bambino e studia, e intanto si mettono via un po’ di loro soldini risparmiando su un affitto.
    Io non è che posso dare altri aiuti,devo lavorare ancora 8 anni a tempo pieno.
    Però starò attenta se si libera qualche appartamentino qui vicino, si sa mai

    Rispondi
  2. treeonthehill

    Si Tip, è la migliore soluzione, la mamma è preziosa in queste situazioni, nessuno può dare a tua figlia ciò che puoi darle tu, e non parlo di soldi ma di amore e sostegno e consigli, esserci quando avrà paura o quando sarà stanca, questo ruolo spetta a te!

    Rispondi
  3. utente anonimo

    Ah, ho dimenticato una cosa: sono del parere che lui o lei sia fortunato/a ad avere una nonna come te. Evidentemente non si può dire che lo siano stati i tuoi figli. o no? BABA

    Rispondi
  4. movida69

    giù le mani dalla princess (e mi accodo al coro)

    certo che sarbbe meglio potessero farcela da soli

    ma voglio dire

    i zzi propri mai bisogna sempre rompere i maroni in modo così sfacciatamente autoreferenziale?

    uffa che palle nonni bisnonni e trisavoli (e parenti e amici e consigli e ceci di rancore)…

    abbraccio forte cri… 😀

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...