Giovedì  accennavo ai miei timori, ed al rispetto che deve essere alla base di ogni rapporto umano.
Sono accadute cose che mi intimoriscono, mi fanno essere  pessimista, mi ricordano qualcosa.
Dico solo che dobbiamo stare molto attenti.
Difendiamo la nostra capacità di giudizio,  il nostro buon senso, anche dai media.
Ora per giorni ci martelleranno con tutte le malefatte dei rumeni, solo dei rumeni.
Ci faranno dimenticare la coca sudamericana, la prostituzione albanese,  le mafie, la ped ofilia , e che i delitti nostrani, doc e dop,  non sono rari nè meno cruenti.
Ricordiamoci che fino a pochi giorni fa in Italia esisteva solo Garlasco,  ora sparita dalla carta geografica,  e  già che ci siamo, ricordiamoci anche le sue gemelle, ostracizzate, i pettegolezzi del paese assurti a voce della nazione.

Annunci

21 pensieri su “

  1. marklno

    Mi associo.

    Ho notato con fastidio come certi politici hanno iniziato a volteggiare sul cadavere della povera vittima come avvoltoi, nella speranza di racimolare i preziosi consensi dei soliti ignoranti razzisti…

    Rispondi
  2. IngliscGherl

    eh gia i kkk del 1871 si era sciolto e poi risorto nei primo del 900, e addiritura a washington fecero una sfilata incappuciati. Kkk, pare sia l’onomatopea del rumore del fucile semiautomatico.
    speriamo che sia roba del passato.

    Rispondi
  3. treeonthehill

    La repressione non serve: basterebbe applicare le leggi che già esistono. L’unico deterrente è la certezza della pena, una pena giusta, adeguata alla colpa e al crimine commesso. Questo in Italia non succede, sia che ti chiami Mario Rossi oppure Nicolai Badescu.

    Rispondi
  4. amoleapi

    già, per di più adesso sono cittadini europei e non si può chiamarli extracomunitari, e poi il male non ha nazionalità, viene commesso da italiani come da non italiani.
    Bisognerebbe invece far rispettare a tutti le leggi e non controllare (si vedano le multe-velox-semafori intelligenti) solo gli onesti, che tanto non sono pericolosi. ciao.-

    Rispondi
  5. nosacher

    la nostra capacità di giudizio ha bisogno di un’ attenzione non da poco. ci vuole un attimo a scivolare e trovarsi con quelli della foto a destra.
    bello questo post tip. è un post attento !

    Rispondi
  6. tiptop

    anche se poi i problemi van risolti uno per uno…
    l’alto tasso di delinquenza tra i romeni esiste, crea disagio, va risolto.
    l’unica cosa, non bisogna farsi giustizia da sè e farsi manovrare politicamente…

    Rispondi
  7. utente anonimo

    L’altra sera a “che tempo che fa” uno scrittore, nel presentare il suo libro (Gomorra), ha parlato della gran quantità di morti che semina ogni giorno la camorra. E nessuno ne parla. E’ diventato tutto normale? Sì, visto che il delitto del rumeno è riuscito a spostare l’attenzione da un’organizzazione nazionale che semina migliaia di morti, ai delitti commessi da una minoranza. BABA

    Rispondi
  8. tiptop

    comunque sia, una minoranza che crea anche “disagi”, come dicevo prima, va bene cercare di risolvere un disagio, va bene anzi benissimo risolvere i problemi piccoli (che poi magari togli anche manovalanza malavitosa ai “problemi grossi”) basta che questo non si risolva nelal giustizia fai da te e nella caccia agli uomini. Se i rumeni sono ad alto tasso di criminalità, NON sono TUTTI criminali. D’altra parte non sono extracomuitari e le leggi per gli extracomunitari non puoi applicarle.
    Come ho commentato ieri da sifossifoco.splinder.com, mi sembra che a parlare di questo argomento ci si trovi sempre con una coperta troppo corta, c’è sempre un pezzo che resta fuori, e andrebbe considerato.

    Rispondi
  9. Shoruel

    tip, vorrei fare un’analisi interessante, vorrei vedere a parità di ceto sociale se la percentuale di criminali rumeni e italiani è poi così distante…

    forse si tratta di istruire questa gente e dargli una dignità piuttosto che di cacciarla a priori

    E non dimentichiamo che molte donne che accudiscono gli anziani e ripuliscono le nostre case sono rumene

    ok, ho divagato, perdonami

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...