Wow! sono stata pubblicata su un quotidiano!!!!

vabbè confesso… è che ho mandato a Metro una mail di protesta sui posteggi con le righe blu, se qualcuno non lo conoscesse, uno di quei giornali che danno gratis all’ingresso delle metropolitane…   nelle pagine di Milano c’era un bel bollino azzurro con un indirizzo mail, e sotto l’indirizzo "scrivi". Era invitante. E così ho scritto.

Annunci

15 pensieri su “

  1. tiptop

    Quello che dicevo in questo post:
    http://tiptop.splinder.com/post/14320993
    così riassunto:
    Nella mia zona (Romolo Gessi, Favretto, Garian etc.) le macchine parcheggiate sono per lo più di residenti, non esistono “sbarchi” della metropolitana o incroci cruciali di mezzi pubblici, e la quantità di posteggi limitati dalle righe azzurre appare sproporzionato. A rischio di non muovere mai più la macchina quando conquisti un posto giallo.
    Mi immagino costretta ad andare in ufficio in auto alle otto e tornare a casa alle sette per non pagare giornate di posteggio…. solo perchè incautamente un giorno l’ho usata e non riesco più a recuperare una riga gialla. Mi sembra che sull’uso ed il possesso della macchina ci siano fin troppe gabelle.

    Mi hanno tolto il periodo in cui dico che di solito vado in ufficio in bici o in filobus, che invece mi pareva significativo….

    Rispondi
  2. pcube

    sai che l’ho letta da dietro le spalle di una in metropolitana 😀
    io non leggo mai un tubazzo .. meno che meno le lettere alla redazione di quei freepress che non degno nemmeno di una sguardo … il caso proprio

    Rispondi
  3. tiptop

    ;-PPPPPPPPPPPPP
    seigradi io sono stata anche passata in TV, intervistata per telenova quando volevano togliere prescuola e doposcuola… e anche vista sl tg3, ripresa alla malpensa mentre aspettavo mio figlio di ritorno dalla Sardegna!

    Rispondi
  4. Romins

    A me mi (si può dire?) hanno pubblicato su Leggo. Segnalavo una storia vista con i miei occhi in merito ai ragazzi che danno spilline o penne e chiedendo soldi per varie associazioni per ciechi o tossicodipendenti e che invece si spartivano i soldi prendendo per il culo la gente che ci era cascata! Questo tutti i giorni davanti al negozio dove lavoravo.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...