PISTE CICLABILI
Nella mia nuova vita ciclistica, mi sto chiedendo se non siano peggio…
Ne percorro dei pezzettini, ma mi sembra che ci capiti di tutto.
La pista ciclabile protetta  tra due alte siepi, taglia una piccola rotonda. Pedalando allegramente sbuchi dalla siepe direttamente sotto una macchina in arrivo. I sopravvissuti arrivano alla pista che passa a fianco di  giardini ombreggiati da alberi secolari,  le cui radici vistosamente rialzano l’asfalto. Sobbalzando sulla sequela di radici asfaltate, dove devi frenare bruscamente? Prima di prendere sotto il  vecchietto che si è rialzato  dalla panchina ed ha scelto la pista per aggiustarsi addosso i pantaloni troppo larghi per il suo corpo rinsecchito. Ecco davanti a te una badante che spinge una carrozzella.  Arrivi al parco, dei viali hanno il contrassegno della bicicletta, non importa, ci camminano lentamente signore con passeggino aggiunto, in tre. Ti odiano perchè passi..lo capisci dallo sguardo inceneritore. Quando lascio i giardini, l’ultimo pezzetto che mi capita d i fare…penso che qualche accompagnatore canino  porti con regolarità il cane ad evacuare nella pista. Una mamma cammina sul marciapiede, il bimbo in triciclo diligentemente sulla pista… ecco arriva in senso contrario al  mio la famiglia modello…. padre con casco, davanti, in mezzo due ragazzini, con caschetto e bandiera segnaletica alta due metri, manco fossero boe semoventi, e la madre a chiudere la fila.

Annunci

4 pensieri su “

  1. nosacher

    ascolta…
    vai in triciclo anche tu, con bandiera sul casco alta sei metri, anzi sette. ci carichi sopra un vecchietto obeso che non riesce a chiudersi la cinghia. due , o meglio tre passeggini per i gatti a mò di carrello… ti mimetizi con una siepe tipo macbeth quando si muove il bosco… e ti porti un evacuatore a spruzzo, ogni tanto ..sprazz ! sfruzz!
    poi mi racconti.

    Rispondi
  2. Nuvolavola

    adesso capisci perché non vado più in bici in questa nostra città? e poi danno le multe alle mamme che accompagnano in bici i loro bimbi a scuola passando magari per brevi tratti sui marciapiedi pur di schivare un pavè con rotaie o una tangenziale con cascioni che sfrecciano a tutta velocità.. mah.. e la multa a quelli che sostano sulle piste appositamente costruite per andare in bici no???

    Rispondi
  3. Slasch16

    le famiglie modello, ecologiche, che vanno in bici con il caschetto le sagnalazioni e, contromano, sulla strada dove abito.
    il paese delle non regole, se rispetti le regole sei un coglione, un poveretto, un pirla. In alto i cuori!!!!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...